Home
Presentazione
Biografia
Pentagono della Sicurezza
Don Nicola con Noi
OMELIE Leggi
OMELIE AUDIO
Grazie Don Nicola
OMELIA Esequie
Ricordo Don Nicola
Catechesi sul Dolore
Contattaci
Scrivi un Messaggio
Collegamenti Web
Area Riservata
Cerca
25 Domenica 3^ di Pasqua (Verso la liturgia eterna) rif. al 18/04/10 PDF Stampa E-mail

                                     Terza Domenica di Pasqua

 Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 21,1-14)

In quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaele di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.
Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri.
Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si squarciò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

                                  Verso la liturgia eterna 

Nelle due letture , quella del Vangelo e quella degli Atti degli apostoli , è fortemente evidenziata la figura dell’apostolo Pietro . Nella terza lettura, quella del Vangelo , è lui che non appena comprende che il personaggio apparso sulla spiaggia è il Signore, si butta in acqua per raggiungere la riva. E’ lui che viene interrogato dal Signore sulla sua adesione al Cristo : “Mi ami tu, Pietro?”. E’ lui che scelto da Gesù , viene messo come pietra di base per la sua Chiesa . E’ lui che risponde ai capi religiosi ebrei , ponendo loro il dilemma se sia meglio obbedire a loro  piuttosto che a Dio.Ed è allora su questa figura che dobbiamo concentrare la nostra riflessione di oggi. Nei quaranta giorni dopo la risurrezione nei quali il Signore si è presentato ai suoi discepoli , Gesù apparve solamente a loro e non a tutto il popolo. Questo per far vedere a loro che tutto quello che aveva promesso prima della sua passione e morte, il  fatto che sarebbe risuscitato, lo aveva veramente realizzato ,entrando ad una vita nuova.Voleva che essi ,che avevano creduto alle sue parole prima , fossero adesso i testimoni vivi del fatto strabiliante della sua vittoria sulla morte , che testimoniassero l’inizio di un mondo nuovo ,quello dei risorti, mondo del quale Gesù era non solo l’iniziatore , ma anche il primo dei cittadini. Inoltre sulla spiaggia del lago di Tiberiade , Gesù il Messia , Gesù Cristo il Salvatore aveva strutturato la sua Chiesa nelle linee fondamentali ,dando a Pietro il compito di servire i suoi fratelli apostoli per mantenerli nell’unità dell’amore (la così detta “agape” che denominiamo “carità”), ossia : l’amore cristiano, di guidare la Chiesa di Dio . Questa missione, che Gesù ha dato a Pietro ,continua . Prima di sospendere le sue apparizioni visive ,Gesù dirà ai suoi apostoli : “Andate , comunicate la Bella Notizia” , ossia, tutto ciò che Dio ha fatto per amore verso di voi. Comunicatelo a tutti gli esseri umani inserendoli , mediante il gesto sacramentale del battesimo , nel progetto del Padre ,del Figlio e dello Spirito Santo. Così, lungo i secoli , la famiglia dei credenti , il popolo di Dio guidato dai successori di Pietro come facenti le veci di Cristo , suoi vicari , ha portato la Bella Notizia nella sua integrità a tutti i popoli della terra. Questa Bella Notizia è arrivata pure a noi con l’assistenza dello Spirito Santo che è lo Spirito della Verità.In questo periodo della storia  tocca a noi , fratelli e sorelle , come staffette della storia cristiana , ricevere il testimonio che gli atleti si passano l’un l’altro nella corsa verso la meta, per passare questo testimonio, a nostra volta, ad altre generazioni.Il testimonio per noi è la nostra fede nella risurrezione di Cristo ed anche nella nostra risurrezione , vivendo concretamente in una forma nuova , che stupisca chi ci vede.Noi corriamo verso la meta, e la meta è la grandiosa e gioiosa liturgia celeste che ci viene accennata dalla seconda lettura tratta dal libro dell’Apocalisse : “Il Cristo ci ha chiamati a comunicare al mondo la Bella Notizia che Lui ci ha portato : che Dio è amore e che ci ama in una forma così stupenda da mandare suo Figlio a farsi nostro fratello , che muore per noi , che risorge per noi , per fare di noi figli adottivi del Padre ma in Lui : Lui che è Figlio naturale del Padre e del quale siamo diventati fratelli”. E’ una chiamata stupenda che dovrà prolungarsi fino alla fine dei tempi e proiettarci ulteriormente nell’eternità, nella liturgia del cielo. Dipende solamente dalla nostra libera volontà accettare questa chiamata così straordinaria. Voglio ricordare quello che dicevo domenica scorsa : “Ogni volta che passiamo la soglia della porta di  questa chiesa, entriamo nel mistero della liturgia”, che è atto sacro di questo momento di celebrazione della Santa Messa, ma è una liturgia che si proietterà nella liturgia eterna del cielo. Perciò questo è un anticipo della definitiva, bellissima , completa felicità che avremo in quella liturgia divina nel cielo, dove Dio sarà tutto in tutti e la gioia sarà totale, piena, definitiva . Così sia.  

 
Ultimo aggiornamento ( sabato 17 aprile 2010 )
 
< Prec.   Pros. >