Home
Presentazione
Biografia
Pentagono della Sicurezza
Don Nicola con Noi
OMELIE Leggi
OMELIE AUDIO
Grazie Don Nicola
OMELIA Esequie
Ricordo Don Nicola
Catechesi sul Dolore
Contattaci
Scrivi un Messaggio
Collegamenti Web
Area Riservata
Cerca
8 Maria Santissima Madre di Dio rif. al 01/01/10 PDF Stampa E-mail

                                     Maria Santissima Madre di Dio

 Dal Vangelo secondo Luca (Lc 2,16-21)

In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro.
Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.
I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.
Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.
 

Il tema nucleare del ciclo liturgico natalizio è ovviamente il mistero dell’incarnazione  del Verbo che assume una natura umana facendosi uomo. Trattandosi di un mistero  così luminoso e poliedrico ,la pedagogia liturgica ,ci presenta questo stesso mistero  facendocelo considerare nelle sfaccettature parziali ,una per volta . Così durante  l’avvento abbiamo contemplato la storia della nascita e i personaggi che hanno reso  possibile il Natale : Gesù , Maria , Giuseppe , gli angeli , i pastori , i bimbi innocenti  sacrificati da Erode e la Sacra Famiglia. Oggi , la pedagogia liturgica ci fa riflettere  sulla maternità di Maria che è la persona umana più vicina a Dio . Dico persona  umana perché Gesù Cristo è persona divina e non persona umana, perciò la Vergine,  Madre di Dio, è la persona umana più vicina alla S.S. Trinità. La maternità di Maria  Santissima è una maternità specialissima , unica, poiché la porta a diretto contatto con  il Verbo che nel suo grembo assume un corpo umano animato da un anima umana e  nascendo da Maria, Gesù  è vero uomo nato da donna. Questo progetto di  incarnazione coinvolge anche il Padre Eterno del Verbo, dal quale procede  ogni bene perfetto ,origine della vita, e che sceglie l’infinita energia d’amore dello  Spirito Santo per fecondare nel grembo di Maria l’inizio della vita del Verbo che si fa  carne . Maria per nove mesi forma in sè quel corpo che sarà il bimbo Gesù che  nascerà nella notte di Natale , corpo che riceve un anima creata da Dio che lo vivifica  come uomo. Ecco come una certa spiritualità mariana ha proclamato Maria come   Figlia prediletta del Padre , Madre unica del suo Figlio unico , Sposa Immacolata  dello Spirito Santo ed è perciò  la tre volte Ammirevole Madre. Ora vediamo di  riflettere su come questa maternità sia punto di unione tra la divinità e l’umanità.  Dovendo parlare del mistero di Maria , l’unico linguaggio possibile per noi uomini è  l’analogia, ossia usare concetti ,immagini ,paragoni a noi accessibili comprensibili  alla nostra mente  per poi farne una specie di proiezione verso una dimensione che  non possiamo dominare ,verso cioè quella che chiamiamo la trascendenza e che ci  supera in maniera inimmaginabile . Questa analogia si fa affermando ciò che di  positivo troviamo nel nostro pensiero ma potenziandolo in una forma spettacolare ,  lanciandolo oltre il muro della realtà contingente , in una zona che a noi attualmente è  proibita. Riflettendo sulla maternità di Maria , varie immagini mi sono venute in  mente per poter percepire il suo ruolo nell’incarnazione come madre ; ne ho scelto  una sola , quella del meeting-point. In ogni aereoporto vi è  un luogo ,solitamente indicato con segnali luminosi e  transennamenti , che indicano il meeting-point ossia il punto di incontro dove persone  che non si conoscono ,possono facilmente incontrarsi esibendo qualche segno di  riconoscimento . Nel nostro caso ,l’incontro tra divinità ed umanità si realizza in  Gesù di Nazareth ,nella persona divina del Verbo che ha in se due principi di azione ,  uno umano e l’altro divino ; la natura umana acquisita da Maria e la natura divina  ricevuta dal Padre. Gesù Cristo perciò ,Verbo generato dal Padre , è solamente  persona divina ma ha due capacità positive di azione, due nature : una divina , l’altra  umana.L’incontro di queste due realtà si realizza in un luogo ,in un posto ,in una  situazione storica concreta e questa è Maria ,luogo dove la divinità incontra l’umanità   nell’unica persona del Verbo. Maria è il punto unico della storia dove questo fatto  portentoso si realizza. Vediamo ora come Maria è anche il nostro meeting-point. Dio  ha scelto una donna per incontrarsi intimamente con noi , con l’umanità . Se l’è  preparata immacolata , pura , mai toccata da qualsiasi tipo di peccato o di  imperfezione .Una donna prototipo portatrice di bontà ,dolcezza ,tenerezza materna ,  preoccupazione per il dettaglio ,per i piccoli ,per i deboli . Le ha dato come figlio il  suo stesso Figlio generato nell’eternità e che  prende da Maria un corpo animato dallo  Spirito Santo nella creazione di una anima umana. Questo Figlio Gesù ci sceglie nel  battesimo , e in questo battesimo distrugge la nostra struttura di peccato nella quale  noi nasciamo e ci unisce inoltre alla sua Resurrezione facendoci così rinascere come  fratelli suoi affidandoci a sua Madre che, per mano, ci porterà da Lui : “Ecco tua  madre !Abbine cura”. Come Cristo fu uno di noi per mezzo di Maria , così noi  saremo uno con Cristo per mezzo di Maria .Il processo discendente dal Verbo a noi  attraverso  Maria ha la sua controparte così in un processo ascendente di noi,  attraverso Maria, verso il Verbo nell’amore dello Spirito Santo per arrivare  definitivamente al Padre. “Per mezzo di Maria”  questa è la frase dei padri della  spiritualità cristiana che dissero: “Si arriva a Gesù per mezzo di Maria” .  Concludendo! Come Maria fu la culla materna perché Gesù venisse da noi, così la  stessa Maria è la culla per chi di noi voglia rinascere in Cristo.  Da queste idee si deduce la necessità ,fratelli e sorelle , della centralità della  devozione a Maria per ogni cristiano. Una devozione teologicamente solida dove altri  aspetti ,anche bellissimi ,hanno una certa importanza però secondaria. Se vogliamo  andare dal Cristo,se vogliamo la salvezza ,non possiamo scegliere altra strada che  quella di Maria , la Madre di Dio e Madre nostra. Per arrivare al Cristo principe della  pace , perché regni la pace nel mondo ,bisogna passare attraverso Maria Regina della  pace , Madre del principe della pace. Per arrivare al Cristo principe del perdono  bisogna passare attraverso Maria ,Madre della misericordia e del perdono e così via.  Fratelli e sorelle, questo ci mostra la centralità e la indispensabilità voluta da Dio in  questo suo progetto di salvezza. Non sarà il caso di fare una revisione molto seria del  tipo di devozione che noi abbiamo verso la nostra Madre Celeste Maria ? Così sia.   

Ultimo aggiornamento ( giovedý 31 dicembre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >